Blog

Conseguenze dell’assenza della regolarità edilizia ed urbanistica | Kelakala

Ogni notaio conformemente alle previsioni di legge inserisce all'interno del rogito un apposito articolo, normalmente composto dalla seguente espressione: "l'immobile viene acquistato e venduto nello stato di fatto e di diritto in cui si trova", in cui i venditori attestano sotto la propria responsabilità penale e civile la conformità  edilizia ed urbanistica rispetto ai titoli abilitativi che legittimano l'esistenza fisica della casa.

Per capire in cosa consiste la conformità edilizia ed urbanistica di una casa leggi questo articolo.

Non avere la completa regolarità  edilizia ed urbanistica di una casa comporta delle conseguenze in capo al proprietario della casa, le conseguenze sono sia civili che penali.

In caso di vendita se la scoperta delle difformità avviene dopo il rogito notarile la responsabilità  è  in capo al compratore, invece se la scoperta delle difformità  avviene prima il rogito notarile la responsabilità  è in capo al venditore.

Si possono ovviamente immaginare le conseguenze derivanti dalla scoperta delle difformità  a seguito del rogito notarile, il compratore vorrà  ovviamente essere risarcito da eventuali spese e danni ad esso derivanti.

 

Difformità edilizie ed urbanistiche: distinzione e cosa fare.

 

Occorre distinguere le difformità  edilizie ed urbanistiche per gravità.

Si ha maggiore gravità  derivante dalla difformità  edilizia quando un casa, o porzione di essa non è stata autorizzata o è stata realizzata difformemente a quanto previsto nei permessi comunali. I casi più  frequenti di interventi non autorizzati che comportano addirittura un abuso sono per esempio: la posizione di una finestra realizzata in posizione diversa, la chiusura non autorizzata di un terrazzo  o la  trasformazione del balcone in una veranda, l'ampliamento non autorizzato di una casa piuttosto che le diverse altezze della casa stessa, anche il frazionamento o l'unione non autorizzata di più  unità  immobiliari in un'unica casa è di per se una difformità.

Si ha minore gravità quando le difformità consistono per esempio in una diversa distribuzione interna dei locali: una stanza viene divisa in due, piuttosto che più stanze vengono unite per formare un unico locale, oppure viene creato un bagno o spostata una cucina.

Nei casi di maggiore gravità , sanare una situazione di difformità  rispetto ad una regolarità  edilizia ed urbanistica da certificare può essere molto complesso, talvolta non è possibile ed occorre demolire ciò che non è conforme.

Nei casi di minore gravità  di solito si presenta una pratica edilizia, la quale verifica comunque che gli interventi siano conformi alle normative edilizie ed urbanistiche comunali, tale pratica edilizia in sanatoria prevede comunque il pagamento di una sanzione.

 

Difformità  edilizie ed urbanistiche: a chi spetta la sanatoria.

 

Come già  scritto non avere la completa regolarità  edilizia ed urbanistica di una casa comporta delle conseguenze in capo al proprietario della casa, le conseguenze sono sia civili che penali.

La regolarizzazione delle difformità  spetta al proprietario della casa, o meglio alla persona che nel momento della scoperta delle difformità  è  il proprietario della casa.

In caso di vendita se la scoperta delle difformità avviene dopo il rogito notarile la regolarizzazione spetta al compratore, invece se la scoperta delle difformità  avviene prima il rogito notarile la regolarizzazione spetta al venditore.

Il consiglio che si dà sia  ai venditori che ai compratori di una casa è quello di vendere ed acquistare una casa in cui sia stata verificata la piena regolarità  urbanistica, facendo verificare la casa da un tecnico professionista.

 

 

Stai cercando di vendere casa? Registrati e scopri le guide di Kelakala.it: tanti consigli utili per vendere casa da privato

Hai delle domande? Contatta il team di Kelakala.it: i nostri esperti saranno felici di aiutarti!