Blog

Cosa si intende per valore catastale | Kelakala

Cosa è il valore catastale e come procedere per il calcolo del valore catastale.

 

Devi vendere casa e vuoi sapere cosa è il valore catastale di casa tua?  In questo articolo ti spiegheremo anche come procedere al calcolo del valore catastale.

Innanzitutto rispondiamo alla domanda: valore catastale cos'è? Il valore catastale è la base imponibile sulla quale si calcola l’ammontare delle imposte immobiliari, anche nel caso di compravendita immobiliare, per il quale ti rimandiamo a questo articolo. Le principali imposte per le quali occorre determinare il valore catastale, altrimenti detto anche valore fiscale di un immobile, sono:

  • Imposte di successione;
  • Imposte di donazione;
  • Imposte di registro, ipotecarie e catastali;
  • IMU/TASI

 

Come calcolare il valore catastale di una casa.

 

Per il calcolo del valore catastale di una casa, occorre un altro parametro fondamentale la rendita catastale, ossia il reddito che l’Agenzia delle Entrate attribuisce ad ogni immobile, la quale la puoi reperire facendo una visura catastale.

Quando hai reperito la rendita catastale puoi procedere al calcolo del valore catastale dell’immobile, con la seguente avvertenza: al variare della categoria catastale dell’immobile, variano i coefficienti da applicare alla rendita catastale per calcolare l’ammontare del valore catastale.

In modo molto pratico, il valore catastale di una casa si ottiene moltiplicando per un determinato coefficiente, variabile in funzione della categoria catastale, la rendita catastale rivaluta di una percentuale pari al 5%.

Di seguito lo schema del calcolo per determinare il valore catastale di un'abitazione:

  • rendita catastale rivalutata = rendita catastale x 1,05;
  • valore catastale = rendita catastale rivalutata x coefficiente pertinente alla categoria catastale.

 

Valore catastale di una casa, coefficienti moltiplicatori.

 

Come abbiamo precedentemente scritto ogni categoria catastale ha un suo coefficiente moltiplicatore:

  • per calcolare il valore catastale di una casa che rientrii nella definizione di prima casa: il coefficiente delle categorie catastali A (prima casa) con l’esclusione delle categorie A/1, A/7, A/8 è 115,50;
  • per calcolare il valore catastale di una casa: il coefficiente delle categorie catastali A (abitazioni secondarie) è 126;
  • per calcolare il valore catastale di uno studio: il coefficiente delle categorie catastali A10 è 63;
  • per calcolare il valore catastale di edifici pubblici: il coefficiente delle categorie catastali B è 176,40;
  • per calcolare il valore catastale di un negozio o una bottega: il coefficiente delle categorie catastali C/1 è 42,84;
  • per calcolare il valore catastale di laboratori, autorimesse, pertinenze, tettoie, magazzini :il coefficiente delle categorie catastali C è 126;
  • per calcolare il valore catastale di fabbricati produttivi, alberghi e pensioni, case di cura: il coefficiente delle categorie catastali D è 63;
  • per calcolare il valore catastale di edifici speciali: il coefficiente delle categorie catastali E è 42,84;

Riprendendo il caso di una casa di categoria catastale A/4 con una rendita catastale pari a 170,32 euro, il valore catastale della casa si determina in questo modo:

  • rendita catastale rivalutata = 170,32 x 1,05 = 178,83 euro
  • valore catastale = 178,83 euro x 115 = 20.566,14 euro.

 

Stai cercando di vendere casa? Registrati e scopri le guide di Kelakala.it: tanti consigli utili per vendere casa da privato

Hai delle domande? Contatta il team di Kelakala.it: i nostri esperti saranno felici di aiutarti